Swiss Italian Start up Award: the place to be

Novembre è un mese da segnare in rosso per le start up italiane e le corporate svizzere interessate all’innovazione tecnologica!

Indice

Il 12 novembre, a Ginevra, si terrà la prima edizione Swiss Italian Start Up Award, organizzato dalla Camera di Commercio Italiana per la Svizzera e dall’incubatore tecnologico Fongit (Fondazione Ginevra per l’Innovazione Tecnologica). L’obiettivo è quello di mettere in contatto le più innovative start up Italiane con le Corporate elvetiche interessate a scoprire le nuove tecnologie e le nuove proposte hi-tech Made in Italy.  In ottica Open Innovation lo Swiss Italian Start Up Award è strutturato come un contest: una giuria di esperti selezionerà fino a 15 Start up italiane che si saranno iscritte nominando il vincitore proprio il 12 novembre, davanti ad una platea di imprenditori, sviluppatori, investitori elvetici specializzati.

Ma non è tutto: il 12 novembre, i cluster che parteciperanno a pagamento (camere di commercio, Regioni, parchi tecnologici, acceleratori) con le loro start-up, potranno essere presenti e fare networking anche se le loro start-up non saranno selezionate per il contest.

Un progetto win-win: le start up italiane potranno entrare in contatto con realtà svizzere specializzate del settore innovation e hi-tech; gli imprenditori elvetici, invece, potranno scoprire la più avanzata proposta innovativa Made in Italy e trovare soluzioni all’avanguardia. Non è tutto: la partecipazione è anche aperta a start-up svizzere che contino almeno un founder italiano.

12 novembre 2024: la data da segnare per le Start Up Italiane

Swiss Italian Start up Award

Lo Swiss Italian Start Up Award rappresenta “the place to be” per acceleratori, incubatori e cluster di start up italiane che vogliano sia mettere in luce soluzioni innovative e talenti, sia creare partnership potenzialmente strategiche con le corporate elvetiche attive nell’ambito innovazione, presentandosi ad un pubblico internazionale.

Le iscrizioni sono rivolte a:

01

singole start up (che potranno partecipare gratuitamente)

02

cluster di start up che, a pagamento, potranno partecipare allo Swiss Italian Start Up Award, indipendentemente dal fatto che le proprie start-up siano o meno state selezionate per il contest.

C’è tempo fino a maggio per sottoscrivere il form

La start up che decide di candidarsi deve rispondere ad alcuni criteri, ovvero:

01

essere stata costituita negli ultimi cinque anni e non essere uno spin off di un’azienda già costituita

02

avere sede in Italia oppure in Svizzera ma contare almeno un fondatore italiano

03

dimostrare un elevato potenziale innovazione nel suo settore

04

avere un Technology Readiness Level (TRL) del prodotto/servizio proposto non inferiore a 6

05

(per progetti nel settore sanitario attinenti al biotech, medtech, farmaceutico) avere un TRL non inferiore a 4.

Open Innovation: un'opportunità imperdibile per le Corporate svizzere

Swiss Italian Start up Award

L’Open Innovation rappresenta un’opportunità imperdibile per le corporate svizzere che desiderano acquisire soluzioni innovative Made in Italy corrispondenti alle proprie necessità. La prima edizione dello Swiss Italian Start Up Award, che si terrà a Ginevra il prossimo 12 novembre, offre alle aziende svizzere, agli investitori e ai talent scouter del settore, la possibilità di entrare in contatto con una selezionata nicchia di produttori di innovazione italiani.  Non a caso gli organizzatori hanno inserito tra i criteri per la partecipazione il TRL non inferiore a 6, TRL 4 per il medicale/farmaceutico: uno sbarramento che porterà a Ginevra, il 12 novembre, solo realtà innovative pronte a spiccare il volo. La Camera di Commercio Italiana per la Svizzera e Fongit hanno creato le condizioni migliori per le Corporate svizzere: non è semplice, infatti, riuscire ad entrare in contatto contemporaneamente con le migliori realtà del settore, già selezionate, e ad uno stadio di maturità tale da risultare appetibili per il mercato e immediatamente attivabili. Lo Swiss Italian Start Up Award offre questa occasione.

Swiss Italian start up Award: il ponte tra offerta innovativa Made in Italy e domanda elvetica

La collaborazione tra Camera di Commercio Italiana per la Svizzera e Fongit rappresenta un buon trampolino di lancio per le start up italiane che vogliano espandersi in Svizzera ed entrare in contatto con le più performanti realtà elvetiche interessate all’innovazione. La loro sinergia strategica ha portato al lancio della prima edizione dello Swiss Italian Start up Award, un contest stimolante e puntuale che creerà un ponte preferenziale per l’incontro tra domanda svizzera e offerta italiana. 

Svizzera trampolino di lancio del tech italiano

Sostenere l’ecosistema dell’innovazione Made in Italy a fare della Svizzera un’opportunità di sviluppo internazionale

Ricerca di network, committenti, investitori e informazioni sull’avvio di attività innovative: tutto questo ha da offrire la Svizzera agli innovatori italiani desiderosi di crescere sui mercati esteri.

Per scoprirli e per incontrare alcuni dei maggiori player elvetici, l’appuntamento con la Camera, con il Consolato, la Greater Zurich Area e lo Swiss Business Hub è al WMF – We Make Future di Rimini, dal 15 al 17 giugno, per scoprire in che modo il mercato svizzero possa rappresentare una leva di sviluppo per le aziende, start-up e scale-up tecnologiche italiane.

Per la prima volta, infatti, sarà allestita un’area italo svizzera nei padiglioni di RiminiFiera, per creare un hub fisico nel quel start upper e imprenditori italiani potranno incontrare e conoscere le opportunità offerte dalla Svizzera al business innovativo Made in Italy.

Al WMF si susseguiranno occasioni di incontro e di dialogo. Tra questi l’atteso Speak easy event “Ecosistema svizzero: un’opportunità per la tecnologia italiana”, in programma il 15 giugno, dalle 14.30 alle 16.

L’evento si rivolge a corporate, start-up, scale up, poli dell’innovazione, parchi scientifici e tecnologici italiani ma anche istituzioni (Regioni e Camere di Commercio) che in Italia si impegnano nello sviluppo e nella promozione dell’innovazione tecnologica. L’incontro avrà come fulcro una veloce e dinamica round table, moderata da Fiammetta Benetton, giornalista e responsabile dell’Ufficio Stampa della CCIS, alla quale prenderanno parte:
  • Stefan Zwicky: Direttore Swiss Business Hub Milano (Switzerland Global Enterprise)
  • Luca Valenziano, attaché scientifico dell’Ambasciata italiana a Berna distaccato presso il Consolato Italiano a Zurigo
  • Rolf Bühler, Direttore area Europa della Greater Zurich Area
  • Fabrizio Macrì, Direttore Camera di Commercio Italiana per la Svizzera
  • Fulvio Maccarone, One Creation – Impact Finance

Seguirà un aperitivo di networking, per consentire ai partecipanti di interagire tra di loro e con gli speaker dell’evento.

Per maggiori informazioni ed iscrizioni, scrivete a pressoffice@ccis.ch

L’ecosistema tecnologico svizzero atterra a Rimini. WMF, “the place to be”

Torna l’appuntamento con il futuro. Il più grande festival dell’innovazione digitale, il WMF, tornerà ad animare i padiglioni della Fiera di Rimini dal 15 al 17 giugno 2023.

Un’occasione imperdibile per coloro che si occupano di trasformazione digitale, innovazione e sviluppo di nuove tecnologie. Per questo la Camera di Commercio Italiana per la Svizzera, non poteva mancare.

In collaborazione con lo Swiss Business Hub, con il Consolato Generale d’Italia a Zurigo e con la Greater Zurich Area, la Camera allestirà un’area espositiva italo-svizzera presso il WMF di Rimini, per accogliere il popolo degli innovatori e degli start upper che vogliano cogliere le opportunità offerte da questa sinergia tra i nostri Paesi.

L’area diventerà quindi il quartier generale di:

  • Investitori svizzeri, interessati a partecipare al ricco programma di appuntamenti offerto dal WMF con start-up e scale-up italiane e internazionali
  • Start-up, scale-up e corporate svizzere, interessate ad espandersi sul mercato italiano
  • Player dell’ecosistema innovativo svizzero, ovvero incubatori, acceleratori, parchi, agenzie, autorità cantonali che siano interessati a intensificare gli scambi con il business tech Made in Italy
  • Soci basati in Svizzera

L’obiettivo è quello di creare efficaci occasioni di networking tra domanda e offerta, portando a Riminifiera una rappresentanza emblematica delle realtà elvetiche potenzialmente interessate alle produzioni innovative italiane”, afferma Fabrizio Macrì, Segretario Generale della Camera di Commercio Italiana per la Svizzera che lo scorso anno era stato invitato dagli organizzatori del WMF per la raccontare al pubblico le opportunità che il mercato Svizzero offre in tema innovazione alle realtà italiane. “Dopo la proficua esperienza di partecipazione del 2022, abbiamo deciso di tornare al WMF con un’area espositiva dedicata ad accendere i riflettori sul mercato innovativo elvetico”.

Grazie alla partnership tra la Camera di Commercio Italiana per la Svizzera e lo Swiss Business Hub di Milano, i soggetti svizzeri che si iscriveranno all’iniziativa, avranno la possibilità di presentare domanda per ottenere un sostegno finanziario alla partecipazione.

 “Quest’anno vorremmo portare la viva voce diretta delle aziende e degli enti svizzeri in fiera, per metterle in contatto con Start Up, Scale Up e PMI italiane” conclude Macrì.